Home » Film

Category Archives: Film

Chi sono

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Sono Cesare Cioni.
Dagli anni ’70 mi interesso di cinema, televisione, musica e letteratura, e per trent’anni ho combinato una carriera nelle vendite e nella logistica per l’industria con numerose attività giornalistiche e culturali: ho scritto articoli su media e tecnologia, ho tenuto lezioni e seminari, e ho incontrato scrittori, artisti e musicisti.
Oggi, mentre cerco una nuova occupazione e approfondisco gli studi sui media, in questo blog condivido le mie impressioni su ciò che leggo, vedo e ascolto.


 

 

“Wonder Woman”: il ritorno dei supereroi DC?

Dico la mia su Wonder Woman.

Wonder-Woman-1

Il film non è perfetto, nonostante la regia di una donna si sente ancora troppo l’impronta del testosterone di Snyder che lo ha prodotto – soprattutto nell’interminabile, sovraccarico scontro finale con un antagonista assai poco convincente e negli inutili, continui ralenti nelle scene d’azione, che sono un po’ la sua firma – e la Gadot, vista e ascoltata in lingua originale, non è certamente una grande attrice (sospetto che il doppiaggio la aiuterà).

Ma ha la presenza giusta per il personaggio, che per un supereroe è già il 90% del necessario (e che né Cavill né Affleck hanno), Pine (bravissimo) la sostiene compensandone l’inesperienza in più di un passaggio, e i primi due terzi del film sono praticamente perfetti, salvo forse qualche lungaggine nell’esposizione iniziale.

Chris-Pine-Gal-Gadot-Wonder-Woman

Quello che soprattutto conta è che la natura del personaggio è rispettata, anche nella determinata ingenuità e incrollabile incorruttibilità che è il marchio dei primi supereroi DC, senza farne una parodia o un travestimento nel tentativo di renderli tormentati e fallibili per farli sembrare più umani, rendendoli tutte brutte copie del Batman di Miller e facendo invece perder loro l’aura che li rende figure mitiche, “larger than life”.

C’è poco da fare, questi film vanno fatti e guardati con lo spirito di un ragazzino (o in questo caso, meglio ancora, di una ragazzina) perché funzionino…

E questo, finalmente, funziona. Una luce in fondo al tunnel per il DCU? Vedremo se Joss Whedon saprà salvare “Justice League”, ma una strada diversa esiste, ed è tracciata.

mY3qdtTMSuUDkSPA50bqZPJdbPu

 

Wonder Woman (USA, 2017)
Diretto da Patty Jenkins.
Con Gal Gadot, Chris Pine, Connie Nielsen, Robin Wright, Danny Huston, David Thewlis.
Durata 141 minuti.
Distribuito in Italia dal 1 giugno 2017.

“Star Trek” o “Star Wars”?

Capita, di tanto in tanto (e più spesso da quando J.J. Abrams, dopo avere rivitalizzato il brand di Star Trek ha avuto l’incarico di fare la stessa cosa con quello di Star Wars), di sentire contrapporre le due saghe, come se fosse necessario scegliere tra l’una e l’altra, prendere posizione tra due fedi incompatibili. Qual è meglio? Qual è più profonda, più importante, più soddisfacente, più vera? (altro…)

“Data astrale 2016.09. Cinquant’anni di Star Trek”

Disponibile da fine settembre Data astrale 2016.09. Cinquant’anni di Star Trek, il mio volume dedicato ai cinquant’anni della serie più famosa del piccolo e grande schermo:

star-trek-cover

Cesare Cioni
Data astrale 2016.09. Cinquant’anni di Star Trek
Ultra Edizioni
Roma, 2016

ISBN: 88-6776-494-2 – EAN: 9788867764945

Clicca qui per ordinarlo su Amazon.

Nuove forme della serialità televisiva: Intervista a Veronica Innocenti, Sara Martin e Paola Brembilla

In vista dell’incontro del 7 maggio presso la Biblioteca “Renzo Renzi”, abbiamo intervistato tre delle ospiti: Veronica Innocenti, docente presso il Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna, e curatrice insieme con Alice Autelitano del numero speciale di Cinéma & Cie dedicato alle serie televisive europee; Sara Martin, docente presso il DAMS di Gorizia, Università degli Studi di Udine e curatrice del volume La costruzione dell’immaginario seriale contemporaneo; e Paola Brembilla, dottoranda in cinema all’Università di Bologna, che a quest’ultimo volume ha contribuito con un saggio sulla serie televisiva “Grimm”. (altro…)

La musica per archi di Bernard Herrmann: “Psycho” e “Echoes”

Nessuno può dimenticare la splendida colonna sonora di Bernard Herrmann per il film di Alfred Hitchcock Psycho del 1960.

Quello di cui non tutti si rendono conto – almeno, non consapevolmente – è che, come l’immagine che è in bianco e nero, anche la musica (altro…)

Un bosco solo per adulti: “Into The Woods”

Il trailer televisivo che viene trasmesso in questi giorni non permette di capirlo (presumo intenzionalmente, ma secondo me è un errore), quindi chiariamolo subito: Into the Woods di Rob Marshall è un musical. È un film per adulti. Non è una favola convenzionale. E Johnny Depp è uno sciagurato (altro…)

Danny Elfman per Tim Burton: Corpse Bride

Una sequenza da La sposa cadavere (2005), di Tim Burton e Mike Johnson, con la splendida partitura di Danny Elfman (musica isolata, senza voci né rumori). Enjoy!

“Meraviglioso”: Intervista a Federico Magni

In vista della presentazione del volume di Federico Magni Meraviglioso. Effetti speciali al cinema il 17 marzo 2015 presso la Biblioteca “Renzo Renzi” della Cineteca di Bologna, ho avuto la possibilità di porgli qualche domanda sul volume e sugli artisti dei quali si è occupato. (altro…)

Tutti i colori di un “Arcobaleno Noir”

Curato da Alessandra Calanchi, docente di Letteratura e Cultura Angloamericana presso l’Università di Urbino, Arcobaleno Noir. Genesi, diaspora e nuove cittadinanze nel noir fra cinema e letteratura è un’originale raccolta di saggi dedicati al noir cinematografico e letterario, con il pregio di non porsi confini predeterminati e di non rifuggire dall’eclettismo, e anzi di cercare consapevolmente una diversità di punti di vista e di interpretazioni sul concetto stesso di noir. (altro…)

Bernard Herrmann per Alfred Hitchcock: Vertigo

Forse il più bel film di Alfred Hitchcock, probabilmente la più bella partitura di Bernard Herrmann, e per quanto mi riguarda certamente la più riuscita fusione di musica e immagini della storia del cinema: la sequenza della trasformazione di Judy in Madeline in Vertigo (La donna che visse due volte, 1958). Sheer bliss.